ARTI DECORATIVE DEL 900 E DESIGN

L'asta di Arti Decorative del '900 e Design ha registrato il 76% di lotti venduti, con un incremento dei valori di partenza del 137%.

"Il risultato ottenuto consolida il lavoro svolto negli ultimi anni dal dipartimento, basato su stime adeguate e una selezione di opere originale e accurata, proveniente perlopiù da conferimenti privati, distribuita in una prima tornata distinta da pezzi d'autore mai esitati prima in asta, e una seconda tornata ricca di varie tipologie di oggetti, lampade, vetri e arredi" dichiara il direttore di dipartimento Stefano Poli.

Tra le migliori aggiudicazioni si segnalano in particolare: la coppia di lampade da parete dei BBPR, vendute a 16.250 euro (lotto 33); la lampada da terra Triennale di Angelo Lelii per Arredoluce, esitata a 16.250 euro (lotto 34); l'opera pittorica di Enzo Mari delle Serie auree o sinestesiche esitata a 17.500 euro (lotto 81); la lampada di Max Ingrand per Fontana Arte, modello 1441 venduta a 21.250 euro (lotto 93); un mobile da camera di Gio Ponti venduto a 9.375 euro (lotto 120); due sgabelli di Tomaso Buzzi, aggiudicati a 8.750 euro (lotto 125).

Per le Arti Decorative sono rilevanti i risultati di vendita dei vetri di Carlo Scarpa (lotto 145 a 10.625 €; lotto 146 a 13.750 €; lotto 147 a 16.250 €) e della coppia di candelabri in argento di Georg Jensen, venduti a 32.500 euro (lotto 162).

La seconda tornata ha registrato un'alta percentuale di venduto, con aggiudicazioni rilevanti per le opere di Piero Fornasetti, in particolare un gettacarte Architettura esitato a 3.500 euro (lotto 390), e di Hans Wegner (lotto 292 a 3.250 € e lotto 293 a 2.500 €).

Torna su